Carne fresca…

This topic contains 21 replies, has 4 voices, and was last updated by  Andrea 1 month, 1 week ago.

  • Author
    Posts
  • #15388

    Andrea
    Participant

    Ciao, appena iscritto da Torino!
    Mi chiamo Andrea, provengo da una Aprilia ETV1000 Caponord del 2003 che sto lasciando a mio padre per passare ad una più specialistica AJP PR7 650 Advneture con la quale a fine anno andrò giù in Tunisia.
    Sono in trepida attesa, sia per la consegna del nuovo giocattolo che avverrà a breve, sia per il viaggetto di fine anno!!

  • #15393

    Anto
    Moderator

    Ciao Andrea benvenuto.

    Che belli i tuoi video veramente montati bene

  • #15395

    Andrea
    Participant

    Grazie!

  • #15396

    Mastic
    Keymaster

    Quindi abbiamo trovato chi ci fa i video!
    Ciao Andrea, benvenuto. Interessante l’AJP, poi ci racconterai come va? Confesso che non la conoscevo 🙁
    Interessante anche la tua passione per la Cagiva Elephant 900, da dove viene? Perché quella moto di tanti anni fa? Io la ricordo ai tempi di Hubert Auriol alla Dakar. L’ho anche guidata, ma allora amavo solo i mezzi manubri. In effetti fu un bel progetto

  • #15397

    viper_16
    Participant

    Benvenuto Andrea…!!!

  • #15398

    Andrea
    Participant

    Eh eh eh…. tutto merito del Mac!! 🙂 mi limito ad usare le funzionalità base di iMovie infatti generalmente faccio trailer preimpostati perchè non ho voglia di “sbobinare” materiale, tagliare, fare, disfare, sincronizzare con la musica ecc ecc….salvo non ne valga la pena come per la Corsica ad esempio….
    Per la Tunisia anche farò qualcosa di più corposo e carino ma per i giri qua attorno mi limito a piccoli trailer fotografici, non mi porto più dietro nemmeno la action camera 🙂

    La Cagiva penso che sia nella memoria di tutti quelli nati come me negli anni 80 e minimamente appassionati di Africa/fuoristrada, un mito indimenticabile!!
    Io è da un paio di anni che sono passato diciamo definitivamente alla moto come oggetto ludico e circa un anno facendoci fuoristrada ma provengo da 16/17 anni di fuoristrada col 4×4.

    • This reply was modified 1 month, 1 week ago by  Andrea.
  • #15400

    Andrea
    Participant

    In merito al mio nuovo giocattolo che effettivamente è piuttosto di nicchia e poco conosciuto, di seguito il link al sito istituzionale per maggiori info:

    AJP Moto Italia – PR7 650 Adventure

    Qualche foto fatta dal concessionario al momento dell’acquisto:

    AJP PR7 650 Adventure

    AJP PR7 650 Adventure

    AJP PR7 650 Adventure

    Non chiedetemi il perchè ma la denominazione commerciale PR7 non sta per 700cc….idem 650 non centra nulla, non è un 650cc!?
    E’ un 600cc SWM, praticamente il vecchio collaudato 600 Husqvarna ma con iniezione elettronica.

    Qua una serie di accessori che mi son procurato dalla GuglaTech per intervenire sul sistema di filtraggio del carburante, un punto debole.
    Parlando con un ragazzo Olandese (siamo davvero in pochi ad averla e non è facile reperire pareri ed info) il quale ha già fatto il Marocco, mi ha assolutamente consigliato di effettuare questa modifica per evitare danni all’iniettore o comunque intasare il filtro dell’iniettore specialmente col carburante sporco che hanno giù.
    Questo è il kit:

    GuglaTech Advanced Fuel Filtration

    Io ho preso tutto ciò che era disponibile ovvero, kit rally ride composto da filtro a calza microfiltrante da posizionare sulla pompa della benzina all’interno del serbatoio e cartuccia filtro “in line” di decisamente maggiore dimensione rispetto l’originale (che è ridicola, sembra di una mini-moto) con maggiore potere filtrante, più filtro a calza microfiltrante con membrana “acquastop” da installare a monte direttamente sotto il bocchettone del rifornimento.

  • #15402

    Mastic
    Keymaster

    Mi piace molto questo ritorno a una dimensione artigianale di appassionati e di fai da te.
    Io in passato per la pista quasi sempre Ducati. Amici Ducati. Ho vissuto il periodo dei motori che crescevano di cilindrata, dei pezzi speciali. Anche delle personalizzazioni stradali.
    Hai carta bianca per raccontare e coinvolgerci! 😀

  • #15403

    Andrea
    Participant

    Io pista zero, sia stradale che fuoristrada…solo turismo misto con maggiore vocazione al fuoristradale.
    In passato avevo avuto come moto stradali una Kawasaki Z750 (un missile ma scomodissima e cmq non faceva per me) ed una Yamaha MT03 (un chiodo ma decisamente più comoda…cmq anche questa non faceva per me).
    Con l’ETV1000 ho trovato un buon connubio, prestazioni della madonna su strada, comodità assoluta, in fuoristrada turistico si comporta bene però è davvero troppo grossa per continuare con l’off road…ed anche per andar giù, se fai solo strada ok, se vuoi buttarti sulla sabbia rischi di piantarti ogni metro dato il peso di oltre 260kg.

    Tornando invece alla AJP, un altro punto debole secondo me (o perlomeno una cosa che non capisco) sono gli pneumatici con camera ad aria….
    Nel senso, si sa che chi sceglie una moto del genere se l’è proprio andare a cercare col lanternino.
    Non ha un vero e proprio segmento di mercato, definiamola rally/dual sport….semplicemente, un enduro con degli accorgimenti per viaggiare in Africa e non solo.

    Quindi il presupposto è di muoversi leggeri con quasi niente appresso (sempre per come la ragiono io) e smadonnare il meno possibile in caso di problemi.
    Con dei bei tubeless ed un semplicissimo e soprattutto compattissimo/leggerissimo kit di riparazione col cauciù hai risolto l’80% dei tuoi problemi in caso di foratura, ci metti un attimo ad effettuare la riparazione e via….
    Se squarci, te la prendi in quel posto a prescindere sia con camera ad aria che senza quindi dico, AJP…ma perchè non mi hai messo i tubeless madonna!? 🙂

    La conversione a tubeless infatti credo sarà una delle cose che farò verso fine anno prima di partire per la Tunisia.

  • #15404

    Mastic
    Keymaster

    QUI ci sono un po’ di risposte alle tue domande!

  • #15405

    Andrea
    Participant

    Interessante, si più o meno sono aspetti che avevo valutato…
    Tutto considerato, per la tipologia di approccio e di viaggio che farò, sarei più tranquillo con i tubeless ma devo capire quanto costa la conversione…mi sa che si tratta di una bella cifra 🙁

  • #15406

    viper_16
    Participant

    “Non ha un vero e proprio segmento di mercato, definiamola rally/dual sport….semplicemente, un enduro con degli accorgimenti per viaggiare in Africa e non solo.”

    Nel suo segmento di mercato, come si colloca alta/media gamma? e con i prezzi a pari cilindrata ma tipo ktm e similari?

  • #15407

    Andrea
    Participant

    Diciamo che la mia prende ispirazione da moto come la KTM 450 Rally Factory ma con la grandissima differenza che il KTM è un pronto gara regolamentare per eventi come la Dakar e supera abbondantemente i 30.000€, la mia è destinata ad un uso decisamente più amatoriale, non è regolamentare e costa un po meno di un terzo 🙂 ….
    Al di fuori di questo, non mi vengono in mentre altri modelli paragonabili…..parlando di mezzi Factory.

    Differentemente, si può trasformare qualsiasi enduro tradizionale in rally ride.

    • This reply was modified 1 month, 1 week ago by  Andrea.
  • #15409

    viper_16
    Participant

    grazie per la delucidazioni…ho capito la filosofia… fare ciò che piace senza svenarsi 😉

  • #15410

    Andrea
    Participant

    Si poi tutto è relativo, per me già così è stato un salasso, anzi un indebitamento 🙂 … Ma sono questioni troppo soggettive quelle economiche.

  • #15411

    viper_16
    Participant

    Ovvio, molto delicato.
    Invece per la navigazione hai un GPS appropriato con percorsi e mappe impostate oppure usi il canonico “google map”?

  • #15412

    Andrea
    Participant

    Qua si apre un bel capitolo nel senso che la moto nasce di serie con questo sistema “Drive Mode Android” con pad Samsung integrato sul quale installerò Osmand e/o Orux anche se credo abbia qualcosa di preinstallato per la navigazione già di serie ma non so cosa…si intravede qualcosa nel video dimostrativo.

    Drive Mode Android

    Prima di acquistare questa moto, sull’altra usavo il classico Garmin.
    Per le uscite nostrane o francesi (sia stradali che fuoristradali) ho sempre usato un semplicissimo Nuvi200 con una buona cartografia aggiornata.
    Da Google Maps mi ricavavo coordinate ecc ecc di tutto ciò che volevo visitare e costruivo “l’itinerario” direttamente sul dispositivo creando nei preferiti delle sottocartelle nominali personalizzate in cui salvando i waypoint tramite coordinate geografiche (si lo so, molto lento e macchinoso).

    In vista della Tunisia invece, con BaseCamp mi son costruito tutto l’itinerario suddiviso in giornate usando un misto di waypoint, percorsi e tracce.
    L’idea era di comprare un Garmin66i (che integra anche il telefono satellitare) o un 64s (sempre valido ma più economico) su cui caricare tutti i dati ma avendo cambiato moto, utilizzerò il sistema android con le app sopra indicate.
    Tutto il lavoro fatto con BaseCamp non è buttato in quanto pare che sia possibile esportare il percorso intero con file GPX ed importarlo su Osmad e/o Orux.
    In più mi porterò dietro un GPS di riserva (non si sa mai)…in questo caso però trattasi di un semplicissimo/ultra compatto/leggerissimo GARMIN Dakota20 sul quale ho già caricato tutto l’itinerario tramite BaseCamp ma come dicevo appunto, questo fungerà solo come GPS di emergenza/riserva in caso di problemi.

    • This reply was modified 1 month, 1 week ago by  Andrea.
  • #15414

    Andrea
    Participant

    Cockpit AJP PR7 650 Adventure

  • #15415

    viper_16
    Participant

    molto interessante, dato che non si può lascia nulla al caso, visto la tipologia di escursioni. Complimenti, tanta pianificazione per pensare solo a godersi il viaggio.

  • #15416

    Andrea
    Participant

    Si non ho citato la premessa fondamentale…non ho nessuno che mi assista nella pianificazione e che mi accompagni durante il viaggio.
    Usando un termine da figo con esperienza di lungo corso (cosa che non sono 🙂 ), viaggio in SOLITARIA!! 🙂 🙂

    Data questa premessa, tante altre cose prendono più senso.
    Considera che partirò il 28 Dicembre e son già quasi due mesi che ho iniziato a lavorarci su in generale, ricerche preliminari, raccolta info, monitoraggio situazione geopolitica, scambio di idee con chi è già giù o è appena tornato, ricerca tracce/itinerari, check e implementazione attrezzatura, pianificazione su BaseCamp, ricerca hotel/accampamenti, prenotazione nave……di cose da fare alla fine ce ne sono anche se non sembra.
    Poi io forse mi diverto di più a progettare il viaggio che a svolgerlo 🙂 quindi è anche per questo che parto con mesi di anticipo!! 🙂

    In tal senso, la mia iscrizione a questo forum non è casuale…ci sono arrivato durante una delle mie tante ricerche incappando appunto in un resoconto del 2018 di alcuni utenti che ha fatto un bel giro.

    • This reply was modified 1 month, 1 week ago by  Andrea.
  • #15418

    viper_16
    Participant

    come si dice “la fame vien mangiando”… complimenti per l’impegno ed il tempo che gli dedichi…

  • #15419

    Andrea
    Participant

    🙂 grazie!

You must be logged in to reply to this topic.

Skip to toolbar