Pazza idea: andiamogli a raccontare…

Home Forum Netbikers Italia – Forum Netbikers Italia – Andando in Moto Pazza idea: andiamogli a raccontare…

Questo argomento contiene 5 risposte, ha 5 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Mastic 2 mesi fa.

  • Autore
    Articoli
  • #7217

    Mastic
    Amministratore del forum

    Quali sono gli errori che commettiamo più frequentemente quando guidiamo la moto? Perché li commettiamo? Quand’è che rischiamo? E che tipo di rischi corriamo? Perché? E come si può ovviare a tutto ciò?

    Nel mare magnum delle cose che ho da fare (e che spesso non riesco a fare), mi stuzzica tentare di partecipare alla 12a Conferenza Internazionale della Moto, a Colonia.

    Ci avevo già fatto un pensierino in passato, ma non ce l’ho fatta. Probabilmente non riuscirò a candidarmi neanche quest’anno. E, tanto per stare con i piedi per terra, non è detto che poi sarei scelto fra i relatori.
    Però si tratta di un evento importante. E siccome poco tempo fa ho scritto che molti di quelli che parlano degli incidenti dei motociclisti, dei nostri sinistri hanno letto solo le statistiche, ma non sanno perché si verificano… andiamoglielo a raccontare.

    Un’idea già formata ce l’ho, anche se è un’idea molto italiana. E negli altri paesi quello che succede è diverso. Vediamo se si trovano sostenitori, se arrivano contributi, e se davvero riusciamo a mettere su una proposta d’intervento.

    La mia traccia è relativa ai motociclisti che rischiano senza sapere di rischiare. Sono loro il target del quale bisogna occuparsi se si vogliono ridurre gli incidenti. Inutile pensare agli allegri nonnetti che vanno sui passi di montagna. Quelli lo fanno da una vita e sono ancora lì a farlo tutte le domeniche. Il problema sono i motociclisti vittima degli incidenti stupidi e prevedibili. Quelli che si fanno male sulle statali che attraversano i centri urbani.

    • Questo argomento è stato modificato 4 mesi, 1 settimana fa da  Mastic.
  • #7234

    Bobpezzadoo
    Partecipante

    Per assurdo si è più inclini alla distrazione quando si va a spasso che non quando sei impegnato.

    La mia fonte più pericolosa di distrazione sono sicuramente, certamente,

    non ci posso fare niente, la visione di una bella donzella fa si che io mi distragga pesantemente.

    Il resto ho imparato a lasciarlo fuori dalla guida, se suona il telefono se posso mi fermo sennò alla prima occasione richiamo io, sembra una cosa logica ma a volte si vedono degli zombie su scooter allegramente al cellulare che non guardano la strada. Anche i panorami possono essere fonte di distrazione, ma basta rallentare un attimo e godersi appieno il paesaggio.

  • #7266

    Fuzz
    Partecipante

    Secondo me, gli errori sono causati da tutto quello che poi diventa routine,
    provo a spiegare; prendi me, la moto la posso usare solo nel fine settimana,
    quindi in quei momenti ne voglio trarre il massimo godimento, mi gusto ogni metro che faccio…difficile distrarsi in frangenti del genere.

    Mentre con le quattro ruote, che purtroppo uso molto (Circa 50,000 chilometri l’anno) mi trovo a fare errori, non gravi per fortuna, ma frequenti.
    Anche a me un bel paio di gambe, fa sangue 🙂 ma non gioco con il telefono, uso gli impianti dedicati, e non messaggio quando guido.

    • Questa risposta è stata modificata 4 mesi fa da  Fuzz.
  • #7268

    Netbikers
    Amministratore del forum

    E siamo a due interventi che parlano di distrazione per sottovalutazione del rischio o per abitudine

  • #8286

    Lollo
    Partecipante

    Concordo pienamente con le due teorie esposte sopra…nel mio caso, ho notato che, allentando la tensione o l’attenzione, tendo a commettere più errori di distrazione di quando sono concentrato adottando una guida un filino pìù “sportiva”. In quella condizione (la seconda), i miei “sensi” rendono di più; gli occhi scandagliano costantemente la strada in cerca di pericoli, le mani, le gambe, il corpo sono un tutt’uno con il mezzo ed è più difficile distrarsi.
    Altre volte, invece, succede che, rilassandosi, si presta meno attenzione alla strada, gli occhi si soffermano quella frazione di secondo in più su di un dato particolare, e bamh!! Ti ritrovi in un fossato e cerchi di tornare a casa con la moto ammaccata e le costole rotte!!! 🙂

    L’esperienza paga…vedi anche: “si paga per avere esperienza”!!!

  • #8296

    Mastic
    Amministratore del forum

    Però mi tocca ammettere che mica c’è l’ho fatta a mandare a Colonia le nostre proposte.
    Dovete prepararmi di più!

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.

Vai alla barra degli strumenti