Quante sorprese dagli studi sull'etica della guida

Home It Forum Netbikers Italia – Forum Netbikers Italia – Andando in Moto Quante sorprese dagli studi sull'etica della guida

Questo argomento contiene 2 risposte, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Mastic 2 settimane, 3 giorni fa.

  • Autore
    Articoli
  • #11909

    Mastic
    Amministratore del forum

    Parlando di veicoli a guida automatica, si è accennato spesso ultimamente ai problemi di etica della guida. Tutti quei casi nei quali il guidatore umano prende delle decisioni che coinvolgono la sfera morale ed etica.
    La domanda tradizionale è: ma in caso di incidente inevitabile, l’auto senza pilota deve privilegiare la sicurezza dei suoi occupanti o dei pedoni?
    In realtà c’è molto di più. E una ricerca del MIT di Boston su un campione di 3 milioni di persone di tutto il mondo dimostra che non c’è neppure un’etica planetariamente condivisa. Un sentire comune.
    Insomma, nei diversi continenti e attraverso le diverse culture, si privilegia l’investimento di uno piuttosto che dell’altro.

    Sono rimasto colpito dai risultati della ricerca, e ne ho tratto un articolo. Lo trovate cliccando QUI!

  • #11958

    zio franco
    Partecipante

    Imbarazzante,appena terminato il test e visti i risultati avrei voluto non averlo fatto 🙁

    C’è da dire che nel caso di guida personale quasi sempre non c’è il tempo per scegliere,si va d’istinto
    Proprio per questo il “cervello artificiale” è un vantaggio,ma per programmarlo è un bel dilemma,perchè in fondo sono scelte etiche,e l’etica è spesso personale,soggetta a compromessi,dipende si dall’educazione,dalla cultura,dalla maturità,dal vissuto insomma ed un punto comune,un minimo comune multiplo va trovato scientemente e freddamente nei numeri

    …zzo c’entrano i ciccioni però…

  • #12054

    Mastic
    Amministratore del forum

    Che c’entrano i ciccioni?
    Teoricamente non c’entrerebbero nulla, ma la ricerca dimostra che c’entrano eccome. Così come non c’entrerebbero nulla le domande che discriminano fra ricchi e poveri e fra uomini e donne.
    Invece, anche queste c’entrano eccome.

    La realtà è che nel mondo ci sono molte culture diverse e dobbiamo accettare che il riflesso siano anche etiche diverse dei valori sociali e umani. E a volte, il riflesso di una cultura dominante è una risposta spontanea inattesa a una domanda difficile come quella del test. Una risposta che può farci scoprire cose inattese anche di noi stessi, a volte. Perché a volte ci troviamo a dei bivi inattesi.
    Fin qui il lato sociologico e culturale.

    Poi viene il problema concreto: che cavolo scriviamo nelle istruzioni per i veicoli a guida automatica? La Commissione Europea ci sta pensando da anni, senza arrivare a una soluzione. L’argomento sembra un vero rompicapo. Forse le case che tanto stanno investendo sulla ricerca per l’automatizzazione non si erano poste il problema del livello successivo: fatti i computer, bisogna anche dare loro delle istruzioni

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.

Vai alla barra degli strumenti