Sapete come funziona la galleria del vento virtuale?

Home Nl Forums Netbikers Italia – Forum Netbikers Italia – Andando in Moto Sapete come funziona la galleria del vento virtuale?

Dit onderwerp bevat 6 reacties, heeft 3 stemmen, en is het laatst gewijzigd door  Mastic 1 maand geleden.

  • Auteur
    Berichten
  • #13596

    Mastic
    Sleutelbeheerder

    Tutto è nato da un messaggio ricevuto su LinkedIn da un certo Wouter Remmerie, un giovane ingegnere belga che ha messo a punto un sistema di galleria del vento virtuale.
    Da lì a un’intervista, raccolta dal nostro @stinger, il passo è stato breve.

    Ne è venuto fuori un lungo articolo assai interessante. Soprattutto Wouter è disponibilissimo anche per approfondimenti, quindi… lasciate qui un vostro feedback e, soprattutto, ponete le vostre domande.

    L’intervista la trovate QUI

  • #13598

    zio franco
    Bijdrager

    La curiosità sui caschi allineati in moto è stata soddisfatta quantomeno !
    Fenomeno tanto comune quanto inspiegabile apparentemente

    Interessante la correlazione tra cupolino e casco in sinergia,vuoi per il rumore,e vuoi per l’aerodinamica
    Potrebbe essere un’idea per abbinare il casco al cupolino

    La necessità di un modello chiuso e le variabili dinamiche del pilota in moto sono ostacoli insormontabili al momento per avere risultati apprezzabili nella dislocazione di persone e cose ad esempio
    Però avvicinarsi almeno nel layout della motocicletta di un certo “volume” già aiuta

    Chissà se un domani una semplice applicazione che permetta di “caricare” il proprio modello,meccanico ed umano,magari pure i bagagli per gli amanti dei lunghi Tour,possa aiutare a vestirsi meglio 😉
    E lasciare a casa borse e bagagli per godersi almeno la velocità in silenzio !

    Forte sta cosa,meglio delle telecamere

    • #13599

      Mastic
      Sleutelbeheerder

      Ammazza quanto sei velenoso! 😀 😀 😀
      Mi riferisco alla chiusa. Comunque traduco il tuo messaggio a Wouter

      • #13605

        zio franco
        Bijdrager

        Dai che non ti pare il vero,alimento la discussione in questo mortorio !

        Mi veniva in mente questo in correlazione,lo studio biomeccanico in movimento,sai mettere le due cose insieme,l’analisi del movimento e l’influenza dell’aria esterna su di esso

        Chissà se le grandi case motociclistiche mondiali non ci abbiano messo l’occhio con il maggiore interesse aerodinamico,confermato da Wouter,con le alette deportanti

    • #13606

      wouterremmerie
      Bijdrager

      Google translate to Italian, original English message below:

      Ciao Franco,

      Ho usato google traduttore per capire la tua risposta, quindi se sto scrivendo cose divertenti, ho bisogno di chiedere a qualcuno di insegnarmi prima l’italiano!

      Sì, rendere il casco adatto al parabrezza avrebbe molto senso – se ti mantieni perfettamente fermo.
      Questa è una delle maggiori sfide nell’aerodinamica della moto: sia la posizione della moto che quella del pilota cambiano continuamente!

      L’ottimizzazione consiste quindi nel selezionare un numero di posizioni comuni e nell’ottimizzazione per quelle piuttosto che per una singola (il che è più frequente nel settore automobilistico).

      Per le corse di moto da corsa, sarebbe perfettamente logico avere il casco connesso al parabrezza!

      Original message:

      Hi Franco,

      I used google translate to understand your reply, so if I’m writing funny things, I need to ask someone to teach me Italian first!

      Yes, making the helmet fit with the windscreen would make a lot of sense – if you keep perfectly still.
      That is one of the biggest challenges in motorbike aerodynamics: both the position of the bike and of the rider change all the time!

      So optimization is very much a matter of selecting a number of positions that are common, and optimizing for those, rather than for a single one (which is more often the case in automotive).

      For motorbike drag racing, it would make perfect sense to have the helmet connect with the windshield!

      • #13607

        zio franco
        Bijdrager

        Thank you so much friend !
        L’italiano è perfetto

        Certo l’aerodinamica dell’auto è molto più “stabile” nello spazio,più prevedibile ed uniforme
        Ecco per esempio i parafanghi anteriori delle moto che una volta erano più lunghi sul davanti per proteggere la ruota che gira “controvento”,anche la posteriore nella sua parte inferiore
        Ultimamente si sono viste le Alette,e anche carenature per gli steli della forcella che hanno anche lo scopo di deviare il flusso di aria fresca verso i radiatori o le prese d’aria destinata all’alimentazione

        C’è un mondo di aria tutto da scoprire e sfruttare

  • #13611

    Mastic
    Sleutelbeheerder

    Il problema degli studi aerodinamici è che costano cari. E servono ingegneri specializzati. Così ci sono case che li fanno e altre che risparmiano. Con il risultato che trovi moto che vanno bene e altre che hanno problemi grossi. Qualcuna, in un passato recente, generava vortici tanto forti che il passeggero viaggiava nei gas di scarico. Idem per i caschi, alcuni hanno delle rumorosità e degli spifferi insopportabili.

    A breve nessuno potrà più lasciare indietro gli studi sull’aerodinamica. Anzi, a dire il vero è già così

Je moet ingelogd zijn om een reactie op dit onderwerp te kunnen geven.

Spring naar toolbar