Abruzzo: trovata intesa per riaprire SR 487 di Caramanico e SP54

Nel sopralluogo odierno trovato un accordo fra Provincia dell’Aquila e sindaci dei comuni interessati per una rapida riapertura delle strade regionali SR 487 e SP 54. Venerdì il presidente della Provincia incontra i rappresentanti della Federazione Motociclistica Italiana

Ne avevamo dato notizia ieri, e nel sopralluogo di oggi sulla SR 487 e la SP 54, due strade abruzzesi del versante pescarese completamente chiuse al traffico, sembra sia stata concordata una procedura per riaprire prima possibile le due vie di comunicazione. Non da subito, dunque, ma prima possibile.

la strada regionale 487, come la Provinciale 54, sono state interessate negli ultimi anni da numerosi cedimenti, a causa di frane e massi che hanno invaso la carreggiata, costringendo a diverse ordinanze di chiusura (n. 9 dell’11/03/2014 e n. 54 del 28/09/2014 e l’ultima n 19 del 24/04/2018).

Nel sopralluogo odierno i rappresentanti dei commercianti e degli operatori turistici della zona, ma anche gli agricoltori, hanno fatto presente l’esigenza di riaprire prima possibile la strada

A riguardo il presidente della Provincia dell’Aquila, Angelo Caruso, ha informato che sono stati già programmati e appaltati, nel tratto di strada regionale Caramanico Terme Km 44+030, lavori per un importo di 632mila euro.

Le criticità emerse però vanno oltre questi lavori, e servirà un ulteriore investimento, che secondo la Provincia dovrà essere finanziato dal settore regionale che si occupa di difesa del suolo

Per una immediata riapertura delle strade, il sindaco di Pacentro Guido Angelilli e il vicesindaco di Campo di Giove Stefano di Mascio, si sono resi pienamente disponibili a collaborare alle attività di controllo e gestione puntuale e continua della viabilità, che verrà svolta nelle modalità e nei tempi che saranno concordati dai competenti organi tecnici della Provincia e dei comuni.

Insomma, le strade riapriranno a brevissimo, con limiti di velocità ridotti e probabile intensa attività di controllo da parte delle polizie locali

Intanto per venerdì prossimo, 11 maggio, alle ore 10.30 presso la sede provinciale di Via Monte Cagno all’Aquila, è stata convocata una riunione con la Federazione Motociclistica Italiana.

Questi gli altri articoli sull’argomento:
Abruzzo: chiuso alle moto per buche (26 aprile 2018)
Abruzzo: verso la riapertura delle strade chiuse alle moto (30 aprile 2018)
Abruzzo: contrordine, servono 20 giorni per riaprire le strade (4 maggio 2018)
Abruzzo: a quando la riapertura delle strade chiuse alle moto? (8 maggio 2018)

Home Forum Che succede con queste strade?

Questo argomento contiene 6 risposte, ha 5 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Bobpezzadoo 1 settimana, 3 giorni fa.

  • Autore
    Articoli
  • #8604

    Mastic
    Amministratore del forum

    Apro un topic specifico sulla questione buche, perché credo che dovremo parlarne spesso in futuro.
    In Abruzzo il problema forse è in via di risoluzione. Questa mattina dalla Provincia dell’Aquila mi hanno confermato che entro la fine della settimana le strade dovrebbero riaprire con il limite a 30 km/h (che non è uno splendore). A breve i lavori di risistemazione. Qui il mio articolo.

    Interessante la chiacchierata al telefono con la persona che ho sentito. Mi ha parlato dei problemi connessi alla tentata abolizione delle province, e alla legge 56/2014 (Delrio) che ha tolto loro tutti i soldi. Poi è arrivato il referendum del 4 dicembre scorso (sembra una vita, vero?), e le Province sono rimaste. Con le loro competenze su strade e scuole, ma senza soldi!

    L’Aquila ha dei soldi, sembra 30 milioni di avanzo di bilanci di anni precedenti, che non potevano essere toccati. Ora finalmente sarebbero in parte svincolati. Altre province però sarebbero nei pasticci, con i conti in rosso e le casse vuote.
    Quindi, teniamo la situazione sotto controllo, e ogni vostro contributo o storia, ovviamente anche da altre regioni e/o province sarà benvenuto!

  • #8607

    claiot
    Partecipante

    Interessante la chiacchierata al telefono con la persona che ho sentito. Mi ha parlato dei problemi connessi alla tentata abolizione delle province, e alla legge 56/2014 (Delrio) che ha tolto loro tutti i soldi. Poi è arrivato il referendum del 4 dicembre scorso (sembra una vita, vero?), e le Province sono rimaste. Con le loro competenze su strade e scuole, ma senza soldi!

    E certo!
    Si sa già da un po’ che la legge di Delirio (no, non è un refuso…) ha fatto più danni della grandine, soprattutto per quanto riguarda la manutenzione.
    Le amministrazioni, tutte, sono bravissime a mettere in progetto bellissime opere, lavori straordinari che daranno lustro agli ideatori per l’eternità.
    Poi i manufatti non li cura nessuno, decadono e fanno schifo.
    La frase magica è sempre la stessa: “La colpa è di qualcun altro!”

    • #8613

      Mastic
      Amministratore del forum

      Ovviamente ci sta anche la lettura tua @claiot, certo. Però io tendo a essere un po’ meno malizioso, conscio che posso sbagliare o prendere la fregatura. 🙂

  • #8667

    Mastic
    Amministratore del forum

    Intanto hanno allungato i tempi a 15 giorni lavorativi. Vale a dire 20 giorni…

  • #8874

    Netbikers
    Amministratore del forum

    Nel sopralluogo di oggi a Pacentro (PE), è stata trovata un’intesa fra Provincia dell’Aquila e sindaci per riaprire prima possibile due strade completamente chiuse: la SR487 e la SP54 (siamo intorno a Caramanico), versante orientale della Maiella.
    QUI l’articolo.

    Stanziati 630mila euro, oggi si sono resi conto che non bastano. Solo che commercianti, operatori turistici e agricoltori sono strangolati dalla chiusura delle strade. Così hanno trovato una soluzione che si spera temporanea: si riapre con molti controlli. Si presume di polizia. Ma anche controlli sullo stato della strada, soggetta a smottamenti, caduta pietre e allagamenti.
    Anni di incuria hanno creato questa situazione folle.

    Intanto venerdì la FMI sarà ricevuta dal Presidente della Provincia dell’Aquila

  • #8911

    zio franco
    Partecipante

    No niente,ho ritrovato questa foto fatta da Cristina mentre tornavamo dall’Abruzzo transitando appunto da quelle strade

    Poche ore prima del sisma,siamo il 21 Agosto 2016,la quiete prima della tempesta,vabbè…

  • #8912

    Bobpezzadoo
    Partecipante

    MOTO

    Pos. Marca Modello Segmento Totale Gen-Apr 2018
    1 BMW R 1200 GS Enduro 1.596
    2 HONDA AFRICA TWIN Enduro 1.404
    3 BMW R 1200 GS ADVENTURE Enduro 1.135
    4 HONDA NC 750 X Enduro 806
    5 DUCATI SCRAMBLER 800 Naked 794

    SCOOTER

    8 HONDA X-ADV 750 Scooter 1.351
    9 PIAGGIO BEVERLY 350 Scooter 1.260
    10 YAMAHA TMAX 500 Scooter 1.139

    Succede che le persone si arrendono e cambiano le loro preferenze sicuri che una supersportiva non ha più senso se non in pista, le prime 5 del mercato hanno chi più chi meno velleità fuoristradistiche e il primo tra gli scooter over 400cc è l’unico off road sul mercato.

    Ha ragione Claudio e aggiungo oltre alla odiosa frase “è colpa di qualcun’altro” una ancora più odiosa che è: “non è di nostra competenza”.

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti