I più bei colori dell’Eicma 2018

Il colpo d’occhio e la ricerca del dettaglio, attraverso la macchina fotografica di Giangi, in una settimana vissuta anche a passeggio fra gli stand del grande salone di Milano

 

Il giorno dopo torniamo sull’Eicma, sul grande salone delle due ruote che la scorsa settimana ha catalizzato l’attenzione del mondo motociclistico sulla città di Milano. Perché c’è un’Eicma più nascosta, che sfugge all’occhio distratto di chi la gira di corsa, con la fretta di vedere tutto; magari in una giornata di calca.

È l’Eicma dei piccoli particolari nascosti, dei giochi di luce sulle parti delle moto, dei piccoli angoli delle superfici che risaltano. E dei dettagli curati, di quelli che li guardi e resti a bocca aperta

È l’Eicma più bella, troppo spesso trascurata anche da chi la racconta per professione. Perché bisogna dare spazio alle moto, alle novità, alle notizie. E bisogna arrivare prima possibile. E ci si dimentica di guardarle bene le moto. Che sono bellissime. Perché in molti ci hanno lavorato tanto su, prima di portale al grande show.

Ecco allora questa carrellata di foto, con i più bei colori dell’Eicma, inteso come i particolari che il nostro Giangi (Stinger) ha colto passeggiando con la macchina fotografica fra gli stand, nella nostra settimana di Salone.

Il verde acceso della nuova Benelli 752 S, una naked frizzante che la dice lunga sulla crescita della casa italo-cinese

 

Il nero opaco della Leoncino 800, un po’ di understatement per una moto che non passa davvero inosservata

 

Vuoi una mela? Ci sono i colori della natura in questa simpatica idea di marketing. Le mele erano lavate e pronte da mordere

 

Grigio racing, coda cortissima e scarichi troncati, per questa MV Agusta Turismo Veloce VS. Ma la USB sullo scarico?

 

Nero, grigio metallizzato e rosso distribuito omogeneamente a punti. E’ ancora la MV Agusta Turismo Veloce VS

 

Il colore della velocità, fermato con un effetto ottico sulla parola Superveloce

 

Il rosso della carrozzeria della MV Agusta Superveloce, con lo spoilerino sopra il cupolino, e il giallo del piccolo faro e del plexiglass. Su tutto la cornice del faro in alluminio, fermata con tre viti

 

In mezzo a tante linee spigolose, è addirittura rassicurante questa Indian, che ci riporta all’epoca dove tutto era tondeggiante. Tubi tondi ben in vista per il telaio e per i collettori di scarico. E rotondo e senza spigoli è anche il serbatoio

 

 

 

Colori pastello e finitura artigianale per questo ennesimo esempio di contaminazione dell’Eicma nella città di Milano. Questa moto Zero era esposta in una via del centro città

 

 

I colori della Zero, in una sera di pioggia a Milano. Stile e razionalità, alla portata di tutti i passanti

 

Il grigio e il blu (elettrico!) della Vespa Elettrica, con un richiamo alla razionalità e alla pulizia della propulsione alternativa, per uno scooter sempreverde che dal ‘46 si lancia verso l’ennesimo salto nel tempo

 

Il giallo e il nero della Bolid-e di Energica e Samsung, linea minimalista esaltata, con il motore scoperto e la coda cortissima, che lascia in evidenza la ruota posteriore nuda

 

I colori a noi familiari degli schermi del Samsung A8, al posto degli specchi retrovisori. Con funzionalità quali il riconoscimento dei veicoli e l’allerta per eventuali pericoli. Ma la Bolid-e ha molto di più, all’insegna della piena integrazione fra smartphone, moto e pilota. Il futuro è qui!

 

Quando fai un progetto nuovo devi avere il coraggio di inventare. E allora ecco la telecamera posteriore che simula lo scarico, incastonata nel gruppo ottico rotondo

 

I colori allegri della stazione di ricarica e delle batterie del progetto globale iONEX di Kymco, che si sta espandendo. Un network di batterie ricaricabili e facilmente sostituibili per veicoli elettrici

 

Il rosso, il grigio, l’azzurro, il blu e il giallo. Ci sono i colori dell’arcobaleno sulla SuperNEX, il sogno elettrico della Kymco, una supersportiva dalle prestazioni mozzafiato, che oggi è più un concept che non una moto pronta per la produzione. Ma ribadisce la convinzione della scelta elettrica della casa taiwanese

 

 

 

Il tre ruote sembra essere il futuro. E anche la Kymco mostra di pensarci. Così, a fianco dei mezzi elettrici, ecco questo concept, che sembra improntato molto all’uso sportivo della ruota anteriore, con quelle belle quattro canne con i foderi rossi in vista

 

L’avana e il nero opaco della Arc Vehicle Vector, una moto elettrica inglese che già a livello ciclistico e di design dichiara subito la sua unicità

 

E c’è anche l’arancione dell’Harley Davidson LiveWire, proposta pure in nero. La moto della svolta per HD, che dopo un secolo di motori bicilindrici di grossa cilindrata, arriva per prima fra le grandi case alla moto elettrica. La vedremo in primavera

 

Il verde britannico, l’avana e il nero del concept Royal Enfield KX. Ispirata alla KX prodotta negli anni Trenta, è una rivisitazione in chiave moderna di un classico del passato. Una moto originalissima, che però probabilmente non vedremo mai su strada

 

 

L’azzurro elettrico della Polizia Stradale, che in un’occasione come l’Eicma non ha mancato di presentarsi con un tocco di sportività nella moto

 

I colori Honda ufficiali, per questa CB1000R Special Glemseck 101, guidata nientemeno che da Mick Doohan

 

Il giallo ocra della Ohlins, su una forcella pressurizzata. Un componente tecnico di qualità elevatissima, con una finitura tale che ne potrebbe fare tranquillamente anche un oggetto di design

 

Il rosso del vestito e il colore ambrato della carnagione della ragazza. Per una volta la moto abbiamo fatto fatica a guardarla

 

Telaio e motore Aprilia 660, un progetto totalmente nuovo per una moto sportiva di media cilindrata che crea un nuovo segmento nel panorama motociclistico. Il motore è derivato dal V4 della RSV, ma ha solo due cilindri

 

 

Sembra la RSV4, ma è la nuova RS 660 bicilindrica, una sportiva che punta molto sulla leggerezza. Per ora però è un semplice concept, anche se a breve troverà probabilmente uno sbocco produttivo

 

Sottile e leggera, la RS 660 potrebbe introdurre un nuovo concetto di supersportiva di media cilindrata

 

 

Si chiama Varez questa SWM 300 naked sportivissima. Perché ci sono molti giovani che dalle 125 sono pronti a salire di cilindrata. Sembra che potrebbe essere la base per una moto specifica per entrare nel Mondiale Supersport 300

 

I tanti colori delle moto storiche. Perché le moto sono state sempre belle, e il colpo d’occhio sul passato regala emozioni a chi non è più giovane

 

Si chiama XQooder, ha quattro ruote ed è un concept proposto dalla svizzera Quadro. Promette essere un’alternativa fuoristradistica al classico quad, rispetto al quale consentirebbe di piegare in curva

 

Il verde e il nero della Lambretta. Un mito che non tramonta mai, e che oggi si ripresenta in chiave decisamente più sportiveggiante

 

Vedi il verde e pensi automaticamente alla Kawasaki, che con le sue verdone corre e vince in molti campionati, a partire dalla Superbike

 

Il grigio della meccanica, il nero delle sospensioni, il blu della brunitura dei collettori di scarico. Come dire, tutto il fascino della tecnologia motociclistica della Kawasaki ZX10R in uno scatto

 

Il blu elettrico delle Suzuki da competizione, a confronto con il blu e il nero della Ryuyo, il cui primo esemplare è stato consegnato proprio in fiera

 

Esibizione con la tradizionale spada giapponese durante la presentazione della Suzuki Katana

 

Il nero con un filo di grigio e di rosso, quasi a smorzare le forme generose e prepotenti della Monster 821. Ma i collettori di scarico e la forcella non possono non risaltare

 

Disegnare un faro aggressivo oggi è ancora più facile, grazie ai LED diurni che ormai caratterizzano la maggior parte delle moto. Basta per essere visti questo bianco intenso in contrasto con il rosso della carrozzeria della Hypermotard?

 

Il nero della ragazza sul rosso della Panigale V4R, impreziosita dal serbatoio satinato

 

 

 

Il faro della Ducati Panigale V4R è un concentrato di aggressività messo su strada

 

L’occhio cattivo (o la mandibola aggressiva?) della S1000RR, qui in una delle colorazioni caratteristiche della BMW

 

Blu metallizzato, nero e grigio, per la BMW GS 1250. Classe sportiva per questa intramontabile best seller

 

Il bianco intenso del LED diurno della Moto Guzzi V85 TT, che riprende la V caratteristica del motore di Mandello

 

Si può fare una moto moderna intorno al motore a V della Moto Guzzi? Certo che sì, ed ecco la V85 TT, ideale anello di congiunzione fra le piccole e le grandi Moto Guzzi. La crossover via di mezzo che mancava

 

Blu grigio e nero. Quasi a voler minimizzare un progetto importante come la Ténéré 700, una moto sulla quale la Yamaha punta molto, visto che è l’erede delle apprezzatissime XT che tanti anni fa hanno inventato il filone delle enduro stradali, quando “la Dakar” era un fenomeno mediatico

 

 

 

Chi si rivede! Torna il Dragster Italjet, con il suo scudo bianco e il telaio rosso in evidenza. Questa volta ha motore a 4 tempi nelle cilindrate 125 e 200, sempre però con il suo design sportivissimo e originalissimo. E con la peculiarità della sospensione anteriore monobraccio, priva di forcella

 

 

Bianco, arancio, un pizzico di cromatura e un tocco di rosso, per questi cerchi a raggi della Alpina

 

Come nasce un casco? Alla Suomy era esposta una serie di prototipi e di caschi in fase di lavorazione, per capire i vari passaggi da percorrere per arrivare al prodotto finito. Disegno, primo prototipo, prototipo per la galleria del vento e prototipo per i test su strada

 

E si prosegue, con la calotta prima del taglio delle parti in eccesso, con la calotta “tagliata”. C’è anche un casco sezionato, per vedere i vari componenti interni. E il prodotto finito, il progetto di punta ancora non in commercio, il nuovo casco SR-GP di Dovizioso

 

I colori sgargianti dei caschi, perché andare in moto è una gioia, e i colori allegri la raccontano nel migliore dei modi

 

Non solo i colori, anche i disegni dei caschi, per raccontare e raccontarsi su due ruote

 

 

Il nero delle magliette e la goliardia: questi tre ragazzi ci hanno fermato chiedendoci una foto, ne abbiamo approfittato per scattare anche con il nostro telefono!

 

Il colore della folla. Eravamo tantissimi in giro nei padiglioni dell’Eicma, per tutta la settimana. Bello respirare aria di moto, bello respirare la passione di noi tutti, insieme!

 

Eicmaland, la prima festa di chiusura dell’Eicma in discoteca. Sabato sera all’Alcatraz di Milano c’eravamo tutti. Anche il presidente dell’ANCMA e di Eicma, Andrea Dell’Orto, qui ripreso mentre traccia il suo rapido bilancio della settimana di fiera

 

Uno sportivissimo Stinger affronta la curva in sella all’Honda Monkey. La piccola Honda è stata gettonatissima per le foto

 

Un Mastic in versione executive, con blocco note sul serbatoio e telefono testa la comodità del Benelli TNT

 

Il blu e il giallo di NetBikers, che in Eicma è stato ancora una volta presente in mediapartnership con gli amici di InMoto. Siete venuti in tanti a trovarci. Grazie per il vostro calore, ci vediamo a Verona!

Home It Forum L'Eicma 2018 raccontata per immagini

Questo argomento contiene 3 risposte, ha 3 partecipanti, ed è stato aggiornato da  zio franco 1 mese fa.

  • Autore
    Articoli
  • #12323

    Mastic
    Amministratore del forum

    Si chiama i più bei colori dell’Eicma, ed è una galleria fotografica che abbiamo pensato per raccontare il Salone di Milano il giorno dopo, quando ormai i riflettori sono spenti.
    Inutile parlare dei modelli e delle loro caratteristiche. Meglio raccontare le emozioni, i dettagli, quelle cose che sfuggono normalmente nella narrazione di un salone.

    Ecco, appunto, i più bei colori di Eicma. Foto di Giangi, testi di Mastic. Mettetevi seduti, sono 67 foto e 1 video 😉

    E diteci cosa ne pensate!

    Per entrare, cliccate QUI!

  • #12325

    zio franco
    Partecipante

    Bravi Giangi e Mastic,anche da chi non c’è stato e nelle descrizioni e foto riesce a intuire il grande interesse !

    E devo dire che la sensazione è che Eicma 2018 sia stata una bella rinascita

    Sopratutto perchè percepisco l’interesse crescente per l’Elettrico,che oltre ogni resistenza è inevitabile,quindi conviene farci pace e godersi la pulizia di linee per lo spazio lasciato libero dagli scarichi,maledizione di molti design con l’avanzare delle norme antinquinamento
    Non saremo più costretti a pensare :”bella moto peccato quello scaldabagno di scarico”

    E qualche barlume di materiali nobili nei telai,nelle strutture finalmente,dopo l’età del ferro dei catorci

    E poi l’illuminazione a led che gioca col disegno,con la riconoscibilità della casa e del modello,una volta affidata solo ai colori,oggi trasversali

    C’era anche Aprilia vicino la ragazza ? 😉

    Una foto fatta da un amico che riprendo certo di fargli solo piacere,il link della sospensione posteriore della Ducati V4 Sbk,un capolavoro da vedere quel puntone di regolazione centrale

    Grazie Frankie

  • #12326

    calus
    Moderatore

    Le forcelle pressurizzate Ohlins SONO un oggetto di design!
    Belle foto, bella fiera! Peccato averla mancata per futili motivi quali lavoro, lontananza, figli … 🙂

  • #12327

    zio franco
    Partecipante

    Poi c’era Efesto,che è un’azienda che si occupa principalmente di sviluppare soluzioni ibride o full electric per applicazioni in campo aerospaziale, marino o automotive e ha presentato al proprio stand un prototipo ibrido

    150 cv da motore endotermico affiancato da motore elettrico da 70 utilizzabile in 4 mode,elettrico,endotermico,combinato o custom

    Occupandosi di soluzioni e non di prodotto finale il manufatto è un pò così…

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti