Il mio giro ai Serrai di Sottoguda (Marmolada)

@guru racconta sul Forum il suo giro (in scooter!) ai Serrai di Sottoguda, Una gola eletta a riserva naturale, fra Rocca Pietore e Malga Ciapela. Siamo dalle parti della Marmolada, e il nostro amico non si è fatto mancare delle strade belle e l’incontro con un gruppo di motociclisti un po’ competitivi.

Home It Forum Serrai di Sottoguda

Questo argomento contiene 9 risposte, ha 5 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Anadin74 2 giorni, 2 ore fa.

  • Autore
    Articoli
  • #12529

    Guru
    Partecipante

    Staguda (Sottoguda)

    Sabato 7 luglio 2018 sono andato a visitare i Serrai di Sottoguda. Non mi ero mai fermato e devo dire che è stata una piacevolissima esperienza

    Era da un po’ che ogni tanto qualcuno postava su facebook qualche foto dei Serrai di Sottoguda tanto da attirare la mia attenzione. Si trovano fra Rocca Pietore e Malga Ciapela Si tratta di una gola “Riserva Naturale” che si estende per circa due chilometri tra Sottoguda, ultimo villaggio della valle e Malga Ciapela ai piedi della Marmolada.
    Da una piccola indagine fatta al bar sotto lo studio era emerso che praticamente ero l’unico che non conosceva o non aveva visitato i Serrai e anche in ufficio quando avevo chiesto alle donne se conoscessero il luogo mi era stato risposto che era conosciuto e che valeva certamente la pena visitarlo, anzi:” ma lei che è appassionato di moto certamente l’avrà visitato, nevvero?” “Ehm! si, si certo ma è stato tanto tempo fa e adesso vorrei ritornarci! … solita balla difensiva!
    E così mi metto alla ricerca di qualche notizia in rete. Siamo in zona Marmolada, qui ancora in Veneto in provincia di Belluno. Sottoguda è altresì inserito nella classifica dei borghi più belli d’Italia, ed è l’ultimo villaggio prima dell’inizio della valle (forra) che sfocia dopo un paio di km a Malga Ciapela, poco prima del passo Fedaia ai piedi della Marmolada.
    E quindi sabato mattina decido di fare il giretto; che mezzo prendo? Le strade, i luoghi la tipologia del giro sarebbero favorevoli alla S1000XR ma, complice una fastidiosa sciatalgia (ehm l’età è quella) ed una certa pigrizia nel vestirmi mi fanno propendere per lo scooter, basta infatti una giacca con protezioni e via!
    Già che ci sono mi programmo anche per un giretto con la funivia che porta da Malga Ciapela alla Marmolada. Parto, nei programma iniziale ho previsto di fare il Rolle e quindi tratto iniziale della Valsugana, poco prima di Primolano deviazione per il lago del Corlo e quindi direzione Lamon, Imer, Mezzano e Fiera di Primiero. La strada che i motociclisti certamente conoscono è carina (ancorchè in scooter) però in lontananza vedo materializzarsi i problemi. Infatti ci sono una decina di moto che procedono assieme; la loro velocità è solo leggermente inferiore a quella da me tenuta e so che fra un po’ li raggiungerò, purtroppo! Ecco, sono in coda e comincio il sorpasso che cerco di fare in modo garbatissimo. So che non posso salutarli perchè, essendo in scooter, il saluto potrebbe essere interpretato come un’offesa. Passo anche l’ultima moto e mi allontano. Sembra che tutto sia filato liscio, guardo negli specchietti, ok, tutto a posto, meno male! Riguardo gli specchietti per l’ultima volta ed ecco, il dramma si realizza; tre moto si staccano dal gruppo e cominciano l’inseguimento. Ormai sono abituato, succede sempre così quando sono in scooter! E quindi via, si comincia, pedane che grattano (more solito). Le moto rimangono a distanza di sicurezza, anzi si cominciano a distaccare. Dopo qualche chilometro anche l’ultima pare desistere, finalmente posso respirare e riprocedere in tranquillità.
    Giunto a Fiera di Primiero, decido di abbandonare il Rolle per fare Passo Cereda che è da un po’ che non faccio. Direzione Agordo, Cencenighe, Alleghe. Dopo Caprile deviazione per Rocca pietore e Marmolada. Sono arrivato a Sottoguda, mi fermo per mettere qualcosa sotto ai denti ad un banco mobile. Scambio qualche parole con la giovane coppia che gestisce l’esercizio e mi colpisce tutto l’amore che i due ragazzi provano per i loro posti, mi invitano a visitare il paese e mi consigliano dandomi suggerimenti sul percorso guidato.
    Arrivo alla cassa, chiedo del trenino ma purtroppo questo partirà solo alle 14,30 e quindi desisto, facendo violenza alla mia sciatalgia … mi incammino!

    Serrai di Sottoguda

    Ritorno al parcheggio dove avevo lasciato lo scooter. Non c’erano posti assegnati specificatamente per le moto e quindi avevo lasciato il mezzo parcheggiato in un posto macchina pagando regolarmente il ticket. Sto uscendo quando passano tre signore anziane; una a voce alta: “guarda quello lì dove ha parcheggiato, togliendo posto ad una macchina, non c’è proprio più educazione” “signora” rispondo” “l’età avanzata che peraltro Lei dimostra in misura evidente non le consente di fare affermazioni lontane dalla realtà. Non essendoci parcheggi specifici per le moto io ho parcheggiato come ha visto nel posto macchina pagando regolarmente il pedaggio, vuole che le mostri il biglietto?” … “maleducato!!!”
    Bene, a questo punto mi dirigo verso Malga Ciapela per prendere la funivia per la Marmolada (apperò circa 40 euro). Però sulla Marmolada insiste una banco di nuvole che mi fanno capire che una volta arrivato in cima non vedrò niente. Tergiverso, aspetto un po’ ma la situazione non cambia per cui il giro può dirsi finito e me ne torno a casa!

  • #12530

    Guru
    Partecipante

    Putroppo oggi i Serrai sono chiusi dopo il disastro del maltempo che ha colpito la zona

  • #12535

    bikerold
    Partecipante

    Bravo Guru, vai di raschiamento pedane 🙂

  • #12539

    Guru
    Partecipante

    Guardate che disastro ….

  • #12545

    Dolfy
    Partecipante

    Il Guru perde il pelo….ma non il vizio!!

    Bella li, bello saperti in giro col bidet!

    Conta su che ci piace leggerti, e non credetegli quando dice “li sorpasso appena più veloce di loro….mentitore!!! Chissà il ghigno quando li hai visti restare indietro!!

    Ciao Guru

    Alla prossima

    Il Dolfy

  • #12548

    Mastic
    Amministratore del forum

    Ci sono delle persone cattive, ma molto cattive, che con lo scooter si divertono a giocherellare con quelli con le moto. Mascalzoni!

    Disastroso il problema maltempo. Speriamo possano porre rimedio in tempi rapidi e speriamo che la bellezza del posto non ne esca compromessa

  • #12555

    Guru
    Partecipante

    @mastic Si veramente ci sono in giro dei mascalzoni; i peggiori sono quelli con il silver wing 🙂
    @bikerold in effetti non si grattano le pedane ma i piolini che bmw ha messo sul cavalletto
    @dolfy a parte gli scherzi con lo scooter ci si può divertire confrontandosi con onesti lavoratori della moto. Con chi ha manico è una battaglia persa e lo scooter è soccombente, almeno per quanto mi riguarda. Non so per quello sopra con il silver wing 🙂 🙂 🙂

  • #12556

    Mastic
    Amministratore del forum

    Il discorso sugli scooter mi intriga. Perché è divertente incontrare in strada gente che con le supersportive è convinta di poterti surclassare. In molti hanno un’idea superata dello scooter, sono rimasti ai modelli con il motore montato sul forcellone, con l’anteriore leggero e la forcella a biscottino. La Vespa, per intenderci.

    In realtà gli scooter si sono avvicinati tantissimo alle moto. Il Kymco AK 550, di cui trovate la prova su Netbikers, ne è un esempio lampante. Così come, prima ancora, lo è il T-Max. Quando monti il motore al centro del telaio e liberi e alleggerisci il forcellone, magari togliendogli anche il peso della frizione, poi monti una forcella sostenuta con una coppia di freni veri, le differenze che restano con le moto sono veramente poche. Alcuni limiti oggettivi del telaio, che ha la zona centrale ribassata per creare il tunnel centrale, alcuni limiti nel bilanciamento dei pesi. Le ruote, da 15 piuttosto che da 17. Ma sicuri che si senta così tanto?

    Un gradino più indietro il mio Silver Wing, perché è un progetto che ha più di 20 anni.
    Fuori dall’ipocrisia, quanto ci si può andare forte? Tantissimo, ricordandosi i suoi limiti oggettivi, perché altrimenti ci si fa male.
    Non puoi fare i curvoni a manetta (con il mio) se l’asfalto è ondulato. In pista però (e ci ho girato, il video l’avete visto, ho pubblicato anche quello qui) ci vai tranquillo.
    Frena un po’ meno di una moto (sempre il mio), non puoi arrivarci lungo, perché diviene difficile gestirlo. Oltre un certo angolo di piega -che comunque significa aver chiuso la gomma posteriore-, si ha la sensazione che ti molli all’improvviso. Ma si sente lo scalino della fine del battistrada, e se provi a forzare ulteriormente scende difficilmente in piega.

    Tolte queste limitazioni VA COME UNA MOTO. Pesando 225 kg e avendo 52 cavalli, ovvio.

    Quanto al mito delle supersportive, raccontavo a @multistrangola che già un anno fa ho incontrato su una strada bella ma rovinata un tizio con una KTM 1290 Adventure al quale con la Tuono ho faticato a stare dietro. Le mie sospensioni erano in crisi, lui passeggiava. E ora che ho finito i miei 15 giorni di vita in comune con la Suzuki V-Strom 1000, dico che sulle strade odierne in sella alla Suzukona asfalto la maggior parte delle moto sportive. Semplicemente perché ti restituisce il gusto di entrare in curva fregandotene delle imperfezioni dell’asfalto e spalancando il gas.
    Se lo faccio con la mia Tuono -che peggiora la situazione perché non ha controlli elettronici- volo fuori come un sasso piatto lanciato sulla superficie di un lago.

    Discorso scooter divertente, se vi garba andare avanti però spezzo questa discussione e ne creo una apposita.
    A proposito dei limiti tecnici e delle potenzialità degli scooter moderni, credo che uno che potrebbe aggiungere molto sia @lukethebike. Anche se l’esperienza della sua casa, dal punto di vista scooteristico, credo si stia estremizzando sempre di più su dei veicoli che in realtà sono moto molto somiglianti a scooter. In Honda l’ibridazione moto-scooter è spinta tantissimo verso la moto. Almeno parlando di alte cilindrate. Poi c’è il Forza 300 che mi è ugualmente piaciuto tanto tanto, pur essendo un “tradizionale” scooter.

  • #12557

    Guru
    Partecipante

    Discorso scooter divertente, se vi garba andare avanti però spezzo questa discussione e ne creo una apposita.

    Si dai ci divertiamo 😉

  • #12645

    Anadin74
    Partecipante

    Era un vero paradiso.Un peccato non essermi fermato un paio d’anni fa con la famiglia al seguito.
    P.S.Quelli con lo scooter me li mangio a colazione…diceva un tizio che conoscevo 🙂

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti