Metti due amici nel Parco (Nazionale d’Abruzzo)

Due amici a spasso, fra Villetta Barrea, Scanno, le Gole del Sagittario (bellissime!). Tutto è partito da una telefonata al sabato sera, come racconta @lukethebike nel suo post sul Forum di Netbikers, dove condivide l’itinerario e un po’ di foto. Non troppe, perché era più importante andare in moto!

Home It Forum Metti Due Amici Nel Parco

Questo argomento contiene 4 risposte, ha 5 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Fabiuccio 2 mesi, 1 settimana fa.

  • Autore
    Articoli
  • #10804

    lukethebike
    Partecipante

    Sabato una telefonata con @mastic: “che dici ci vediamo a metà strada a Villetta Barrea domani e ci facciamo un giretto li intorno?”
    E’ bastato un ok ed un orario: 11.00 al paesino nel Parco Nazionale.
    Lui da Velletri lato Tirreno, io da Altino lato Adriatico.
    La giornata comincia nel migliore dei modi: esco di casa alle 8 ed il tempo si prospetta fantastico. Fresco il giusto, e sole.

    Qui il mio Itinerario

    Normalmente ho bisogno di 1h30m per raggiungere il lago di Barrea, ma mi voglio godere un po’ di quei meravigliosi panorami che ho trascurato per troppi anni, ed allora via su per la SS4 Frentana fino a Roccaraso passando per il Valico della Forchetta.

    Proseguo per Castel di Sangro e poi per Alfedena e Barrea. Passo allegro ed arrivo a Barrea ovviamente alle 9:30.
    Era quello che volevo, girare intorno al lago di Barrea e ricordare le strade della gioventù godendomi lo spettacolo dei panorami ed il mio X-ADV. Lascio su il bauletto perché le intenzioni sono quelle di fare un pO’ di spesa nel Parco.

    Colazione a Barrea, qualche foto, un capannello di Motociclisti che mi chiede del “coso” e visto l’orario vado con loro a Civitella Alfedena, passando dal ponte sul Lago per ridiscendere a Villeta Barrea, dove consumo la mia merenda e compro i “Coglioni di Mulo”.

    Fatte le 11 mi parcheggio davanti ad un maneggio aspettando la telefonata del @mastic circa il suo arrivo. Ma non ce ne sarà bisogno.
    A farlo apposta non ci saremmo riusciti! Eccolo che sbuca e mi vede li fermo in attesa. La telepatia ci fa un baffo!
    Due chiacchere ed ecco che una giornata nata per caso si trasforma in una gita tra 2 amici in relax che hanno molto da raccontarsi e molto da guidare per il piacere di farlo.

    Bar per il caffè neanche l’ombra ed allora saliamo su per Passo Godi, dove ci fermeremo finalmente per il caffè, poi giù fino a Scanno. Sarà una delle tante soste da 25 minuti che si protraggono 15 – 30 minuti per la spontanea voglia di conversazione.
    @mastic guida sempre così pulito e così veloce anche se alla fine andiamo via allegri ma sempre con del margine.
    Normalmente ci fermeremmo a fare foto ogni scollino, ma per chissà qualche alchimia proseguiamo semplicemente non sentendo questa necessità, certi che come per magia, questa gita sta scorrendo serena ed in pace, con due amici che non hanno bisogno alcuno di fotografare ogni passaggio, ogni sosta, ogni panorama, perché ciò che ci passa di lato lo stiamo godendo e facendo nostro, ognuno dentro di sé.
    Non serve sempre fotografare e “postare” e “taggare”. Oggi abbiamo solo bisogno di “sentire” e “condividere” e “parlare” nelle soste di tutto di più. Inoltre @mastic ne ha di aneddoti da raccontare nella sua carriera di giornalista e pilota. Ed è un piacere.
    Ogni sosta, che doveva essere per un “caffè” si trasforma in 15 minuti, 30 minuti, di conversazione mai noiosa.

    Da Scanno scendiamo per la Valle del Sagittario fino al Lago di San Domenico, dove decidiamo di fare la nostra sosta-panino nel chiosco in riva al Lago.
    Qui facciamo le prime foto, ma ce ne stiamo forse più di un’ora a conversare.

    Il paesaggio delle Gole fino ad Anversa Degli Abruzzi è mozzafiato, e ci fermiamo più volte per osservare e magnificare cosa abbiamo in dono. Ancora una volta senza sentire il bisogno di fotografare, taggare, postare.
    Proseguiamo sul Sirente e poi di nuovo giù verso Pescina. Passaggi in paesaggi che avevo dimenticato e questa volta, però, la foto dei nostri mezzi e dei nostri figuri con alle spalle la valle verso Pescina ci sta anche perché particolarmente caro al @mastic, che conserva il ricordo fotografico.

    Proseguiamo fino a Celano dove ognuno tornerà nel versante di provenienza, anche se nei piani ci sarebbe stato anche Collarmele. Ma forse ci siamo fermati troppo a chiacchierare, abbiamo tirato un po’ tardi, e io devo rientrare.
    Siamo persone diverse, ma trovo sempre motivo di arricchimento quando sono con @mastic così come mi succede sempre ogni volta che sono con persone che hanno fondamenta ed esperienze diverse dalla mia.
    Giornata bellissima, strade fantastiche, guida piacevolissima, panorami epici, e soprattutto compagnia spontaneamente piacevolissima.
    Replicheremo appena possibile, e soprattutto, GRAZIE.
    Salutiamo ed invitiamo per la prossima

    • Questo argomento è stato modificato 2 mesi, 1 settimana fa da  Mastic.
    • Questo argomento è stato modificato 2 mesi, 1 settimana fa da  Mastic.
    • Questo argomento è stato modificato 2 mesi, 1 settimana fa da  Mastic.
    • Questo argomento è stato modificato 2 mesi, 1 settimana fa da  Mastic.
    • Questo argomento è stato modificato 2 mesi, 1 settimana fa da  Mastic.
    • Questo argomento è stato modificato 2 mesi, 1 settimana fa da  Mastic.
  • #10811

    MT
    Partecipante

    Siete due …tardi.
    Si annunciano così, i vostro scorazzamenti ? Non avete proprio pietà per quei poveracci che abitano sotto al livello del mare
    Ho fatto lo stesso percorso, ovviamente inverso, per venire al”corso”, e il saggittario è veramente bello, fatto con più calma e senza pioggia deve essere fantastico. Ma non crediate di liberarvi di me, ci ritorno su quelle strade.
    Al ritorno ho fatto da campo di giove a sulmona, più faccio quelle strade piu le alpi mi sembrano la famosa corazzata di fantozzi

  • #10813

    zio franco
    Partecipante

    per chissà qualche alchimia proseguiamo semplicemente non sentendo questa necessità, certi che come per magia, questa gita sta scorrendo serena ed in pace, con due amici che non hanno bisogno alcuno di fotografare ogni passaggio, ogni sosta, ogni panorama, perché ciò che ci passa di lato lo stiamo godendo e facendo nostro, ognuno dentro di sé.
    Non serve sempre fotografare e “postare” e “taggare”. Oggi abbiamo solo bisogno di “sentire” e “condividere” e “parlare” nelle soste di tutto di più.

    Grazie per avermelo risparmiato,davvero !

    E’ più faticoso scrivere,ma almeno si lascia spazio all’immaginazione ed alla intimità dei pensieri

    (grazie anche per il buon gusto 😉 )

  • #10815

    Mastic
    Amministratore del forum

    Beh, è stata una giornata fantastica, si capisce dalle parole di Luca. Troppo magnanimo con me però, mi fai sentire un pallone gonfiato (che poi lo sono pure).

    Diciamo che mi hai fatto illuminare gli occhi davanti al panino sulla riva del lago, quando mi hai dato una delle motivazioni per cui le moto prototipi che mi è capitato di guidare in passato hanno una ciclistica più nervosa, che va capita e che richiede una mano decisa. Per dire dell’arricchimento reciproco che c’è quando si chiacchiera.

    Quanto ai miei aneddoti, sono sempre gli stessi, finito il giro dei racconti, la prossima volta ricomincio con gli stessi, e, tempo due uscite, non vorrai più vedermi!
    Comunque sono stato un modesto pilota amatoriale. Nessuno ha capito che valevo il doppio di Pedrosa (nel senso che peso il doppio).

    La prossima volta organizziamo prima del sabato sera e lo scriviamo sui 2 gruppi whatsapp (che un giorno potremmo anche unire)!

    Bella!

  • #10839

    Fabiuccio
    Partecipante

    Bravi ragazzi, così si fa!

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti