Nuovo incidente fra auto senza pilota e moto

È successo a San Francisco, dove un’auto sperimentale nel cambio di corsia ha urtato e fatto cadere un motociclista che stava superando la fila. Proprio una tipologia d’incidente prevista da molti esperti, che avevano già lanciato l’allarme sul rapporto fra auto senza conducente e moto

 

C’è un nuovo incidente fra un’auto a guida automatica e una moto. È successo a San Francisco il 7 dicembre scorso, quando una Chevrolet Bolt ha urtato e fatto cadere un motociclista che la stava superando a destra, su una strada a tre corsie di marcia.

I fatti riportano che l’automobile, sulla quale era seduto un “conducente d’emergenza” che non teneva le mani sul volante, ha iniziato una manovra per passare dalla corsia centrale a quella più a sinistra. In quel mentre, l’auto che precedeva la Chevrolet automatica ha rallentato, e il processore incaricato di gestire la guida del veicolo ha deciso di abortire la manovra di cambio corsia, frenando a sua volta e rientrando nella corsia centrale. Peccato che nel frattempo un motociclista avesse iniziato il sorpasso a destra. Anzi, vista la velocità ridotta (secondo la General Motors l’auto viaggiava a 12 miglia orarie – meno di 20 km/h – mentre la moto andava a circa 17 miglia orarie), si può parlare di filtering fra le file, manovra consentita in California.

Il motociclista, che se l’è cavata con una spalla dolorante, ha avviato un’azione legale nei confronti della GM, ma contro ogni previsione, si è visto dare torto nel verbale del Dipartimento di Polizia. La motivazione è nel fatto che la sua manovra è stata giudicata pericolosa, perché avrebbe iniziato il sorpasso in un momento in cui ancora non c’erano le condizioni di sicurezza necessarie.

Senza entrare nel dettaglio dello specifico incidente, bisogna registrare che questo malinteso fra auto automatica e moto, vale a dire l’auto che non riesce a interpretare il passaggio fra due file da parte della moto, è proprio uno di quelli che era stato giudicato più probabile. E tutti gli esperti sembrano concordare sul fatto che sarà molto difficile e pericoloso il periodo di passaggio, nel quale ci saranno veicoli automatici in strada assieme a veicoli guidati da essere umani. Perché l’interpretazione reciproca dei comportamenti di guida non sarà facile.

Questo di San Francisco ci risulta sia il secondo vero incidente fra un’auto automatica e una moto. Un altro si era già verificato nell’estate scorsa in nord Europa, quando c’era stato un tamponamento in autostrada da parte di un’auto automatica, che non aveva “visto” una moto che la precedeva più lentamente sulla stessa corsia.

Al momento sono in corso moltissime sperimentazioni di veicoli a guida automatica, con una vera e propria corsa dei costruttori a presentare per primi un’auto capace di viaggiare senza pilota. Speriamo che la fretta non crei situazioni di pericolo.

In California dal 2014 a oggi sarebbero ben 56 gli incidenti che hanno coinvolto i veicoli a guida automatica, come si vede da questo report del Dipartimento dei Veicoli a Motore. Sembra però che, mettendo in relazione i veicoli con il numero di chilometri percorsi, quelli a guida automatica stiano già facendo registrare meno incidenti rispetto a quelli guidati da essere umani. Sarà così?

Avevamo già parlato della sperimentazione in corso in Olanda proprio sul rapporto fra auto a guida automatica e moto. Cliccate QUI per andare al nostro articolo

Scorrendo in basso entrerete invece in una discussione già aperta sul Forum di Netbikers dedicata al tema dei veicoli auomatizzati

[bbp-single-topic id=4051]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: