Presentata la FIM Enel MotoE World Cup

Conferenza affollatissima a Roma, per presentare il nuovo Challenge elettrico voluto dalla Dorna, insieme alla FIM, all’Enel e ad Energica CRP, che fornirà le moto. Si parte nel 2019, ma già nel 2018 avremo delle dimostrazioni in pista. Loris Capirossi il pilota che si sta occupando dello sviluppo del mezzo

L’onda lunga del passaggio ai motori elettrici arriva anche in MotoGP dove, dal 2019, debutterà la FIM Enel MotoE World Cup.
Il nuovo Challenge è stato presentato questa mattina a Roma, con un’affollata conferenza stampa. Carmelo Ezpeleta, numero uno della Dorna, ha descritto i contorni della formula nascente, ribadendo che avrà dignità piena nell’ambito delle categorie esistenti del Motomondiale, con una estensione della copertura televisiva attualmente garantita per MotoGP, Moto2 e Moto3. Il tutto con l’intento di essere “dichiaratamente verdi”.
18 le moto in pista. 14 affidate ai 7 team indipendenti della MotoGP, e altre 4 da assegnare a team delle classi inferiori. Da definire i piloti. Nel frattempo, nel 2018, in occasione di ogni gran premio, ci sarà un’esibizione, un passaggio in pista, delle moto elettriche.

Un momento della presentazione odierna, trasmessa in streaming dalla Dorna

Energica, come tutti sapete, è il marchio scelto per la fornitura unica delle moto. Un brand italiano d’eccellenza, che sta sviluppando una moto specificamente per questa nuova formula. Sul palco sono saliti anche Livia Cevolini, CEO di Energica, e Loris Capirossi, che dallo scorso anno si sta occupando dello sviluppo della moto.
È stato proiettato un video (lo trovate linkato a fondo pagina) introduttivo, ed è stata interessante la descrizione di Capirossi, un tre volte campione del mondo che nella sua carriera è passato dai 2 ai 4 tempi, e che oggi sta guidando l’elettrico.
Non c’è rumore -ha detto entusiasticamente Loris- ma…!”. Lasciando intendere che un rumore, un feeling trascinante c’è. Ci sono dei suoni diversi. E ha citato quello del ginocchio che struscia sull’asfalto in curva. La moto pesa, ovviamente, perché le batterie pesano, ma Capirossi garantisce che è molto maneggevole e che in pista non si avverte la massa.
Non c’è cambio, non c’è frizione, ma è un modo diverso di andare in moto che affascina. L’entusiasmo non sembra di facciata. E Loris ricorda che siamo all’inizio dello sviluppo, e che c’è davanti ancora un anno per lavorare ed evolvere il progetto.

L’Enel ha un contratto di tre anni con la Dorna (2019-2021). Nel frattempo accelererà verso la transizione alle energie rinnovabili. Sulle strade italiane è già partito un piano per la realizzazione di punti di ricarica. Ma la sfida, anche d’immagine, della sua presenza in MotoGP è anche quella di trasformare i paddock dei gran premi in isole ecologicamente sostenibili, piccole comunità interamente alimentate da energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili.

Il futuro è arrivato. La MotoGP e i motori endotermici nelle corse sopravviveranno ancora a lungo. Ma il domani oggi sembra essere più vicino.

A patto di comprendere tutti noi che la propulsione elettrica odierna è un qualcosa di diverso da quella dei motori endotermici

Bella, bellissima, affascinante. Anche di elevatissime prestazioni; e la mente corre all’incredibile Mugen che domina il TT dell’Isola di Man. Ma non confrontabile prestazionalmente con le MotoGP. Perché, ovviamente, le moto elettriche se confrontate con le 1000 4T odierne, rischiano di deludere gli spettatori.
Iniziamo a ragionare sulla FIM Enel MotoE World Cup come a un qualcosa di nuovo e di differente. Sarà bello!

QUI il video ufficiale presentato oggi a Roma

Home It Forum La Dorna presenta la Coppa del Mondo delle elettriche

Questo argomento contiene 3 risposte, ha 4 partecipanti, ed è stato aggiornato da  HighSide 10 mesi, 1 settimana fa.

  • Autore
    Articoli
  • #7020

    Mastic
    Amministratore del forum

    Si chiamerà FIM ENEL MotoE World Cup e si correrà con le moto sviluppate dall’italiana Energica.
    Questa mattina il nuovo challenge, che partirà dal 2019, è stato presentato ufficialmente.
    QUI i dettagli. Secondo voi sarà affascinante?
    Sapete già che a me piacciono tantissimo le elettriche. però, come potrete notare dalla chiusura del mio articolo, ho qualche dubbio sull’opportunità di farle scendere in pista al fianco delle superprestazionali, affascinanti e rumorose MotoGP. Non a caso, la Formula E automobilistica non si corre insieme alla Formula Uno, ma… nelle città. Dove il grande pubblico, diverso da quello della Formula Uno, può apprezzare anche le caratteristiche di silenziosità e il basso impatto ambientale.
    Però… onore alla Dorna che è scesa in campo mettendoci la faccia. Sarà sicuramente interessante per noi appassionati

    • Questo argomento è stato modificato 10 mesi, 1 settimana fa da  Mastic.
  • #7024

    Anto
    Moderatore

    Effettivamente è una bella iniziativa e come dici tu sarebbe meglio farle gareggiare tra loro senza mischiarle alle tradizionali.
    Sarebbe una nuova “riserva” oltre al fatto che risalterebbe chi ha investito e progettato meglio rispetto agli altri

  • #7031

    zio franco
    Partecipante

    Affascinante lo è già come tutte le cose nuove ai primordi della tecnologia,se ben inquadrata come la Formula E a 4 ruote,proprio per la possibilità di vederle dal vivo in ambiente conosciuto sarà un successone da brividi

    Dipende da Dorna,della quale non mi fido affatto,fosse solo per aver iniziato con un monomarca. Nonostante questo non vedo l’ora

  • #7032

    HighSide
    Partecipante

    Le prestazioni dipendono sensibilmente dalla lunghezza di gara a causa del limite di energia immagazzinabile. Al TT, dove si gira per buona parte del tempo full throttle i tempi sono:

    Outright Michael Dunlop BMW S 1000 RR 2016 16:53.929 133.962mph / 215.591km/h Dunlop
    TT Superbike Michael Dunlop BMW S 1000 RR 2016 16:58.254 133.393mph / 214.675km/h Dunlop
    Supersport Michael Dunlop Honda CBR 600 RR 2013 17:35.659 128.666mph / 207.067km/h Dunlop
    Supertwin (Lightweight TT) James Hillier Kawasaki 650 2015 18:43.955 120.848mph / 194.486km/h Metzeler
    TT Zero John McGuinness Team Mugen 2015 18:58.743 119.279mph / 191.960km/h Dunlop
    Superstock TT Ian Hutchinson BMW S 1000 RR 2016 17:00.510 133.098mph / 214.200km/h

    • Questa risposta è stata modificata 10 mesi, 1 settimana fa da  HighSide.

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti